I SENDALLI

Il termine Sendallo, cominciò ad essere utilizzato dal Cinquecento in poi quando la forma del Palio cambiò totalmente ed assunse la foggia ancora usata ai giorni nostri.
Si cominciò a confezionare una  tela rettangolare istoriata a forma di labaro di circa 100 per 70 centimetri,  in un tessuto misto seta/cotone, detta di zendale o “sangallo”.
A questo stendardo è unito nella sua parte terminale un drappo di tessuto prezioso (appunto il “pallium”). Solitamente arrotolato ed un tempo conservato in una cassettina di legno.
Il sendallo è appeso mediante un bastone trasversale con ai lati pomelli e nappe su cui si inserisce un’asta usata per lo spostamento del drappo durante le cerimonie o per issarlo sul balcone del comune prima della corsa.

Nella nostra “Sala delle Vittorie” sono conservati i Sendalli vinti dal Borgo nel XX e XXI secolo, è inoltre presente la riproduzione di un Sendallo del XIX secolo che secondo la nostra documentazione fotografica è stato vinto dal Borgo nel 1834. In realtà, iconograficamente parlando,  il Sendallo è molto simile a quello vinto nel 1934 dal rione San Martino. E’ quindi plausibile che la copia sia stata eseguita dopo quella data . Il tessuto su cui è stato applicata la tela però, presenta al verso una manifattura molto simile a quella di fine XIX secolo.

E’ anche vero che il Sendallo  del 1834 con cui si presenta  il nostro Borgo nel 1929 e negli anni a seguire durante la sfilata ,  è completamente diverso da questo . Quel Palio ora è conservato presso l’Archivio del comune di Asti.

 

 

XX secolo

I Sendalli dipinti nel periodo fascista , sono caratterizzati dall’iconografia classica, che si rifà ai dettami di romanità imposti dal regime.
San Secondo, loricato alla romana è sempre rappresentato con lo sfondo della città.  Al centro lo stemma Savoia e nei due labari del 1932 e 1935  quello fascista. Il principale artefice delle opere è Ottavio Baussano, incaricato dal podestà Vincenzo Buronzo, di rinnovare l’immagine scenografica della festa.

XXI secolo

Il sendallo del 1972, così come quello del 2006  sono opera dell’artista astigiano Silvio Ciuccetti ,  

… vigoroso e possente nel segno, affida alla linfa cromatica il palpito dell’emozione, sottesa alla tensione costruttiva… (Marida Faussone)

Il sendallo del 2000, molto agognato e sospirato dal popolo rosa-azzurro, perchè giunto dopo 28 anni di digiuno,  è il frutto

… della ricerca materica e concettuale … (Marida Faussone)

di Ugo Nespolo, artista nato a Torino , ripropone nell’opera l’inquieta dualità tra natura e tecnologia, tra realtà e sogno, tra razionalità ed irrazionalità

Il sendallo del 2005 è molto caro ai nostri borghigiani  perchè è opera dell’artista genovese Emanuele Luzzati che è anche il creatore del logo del Palio di Asti. Il sendallo in tecnica mista ( collage, decoupage, disegno e pittura) riprende gli eroi cortesi della mitologia teatrale di Luzzati con le armi spuntate e lo sguardo remoto.

Ultimo arrivato e quindi come  il figlio più piccolo “il più coccolato”, è il sendallo del 2009, dell’artista italo- francese  Nata Rampazzo, grafico, molto apprezzato in Francia.